La Terza Pagina

9 novembre 2011

Messa in streaming, la rivoluzione online delle parrocchie romagnole

E’ l’idea già trasformata in pratica da due parroci di Riccione che, oltre alla webcam, fanno massiccio uso di twitter e facebook per comunicare con i fedeli. Don Daniele: “La Chiesa ha sempre fatto questo, lasciando che il mondo la cambiasse, certo non senza tensioni interne, ma in essa c’è stata l’attenzione costante a essere dov’è il mondo”

Don Abbondio, se fosse vissuto nel 2011, forse avrebbe recitato le preghiere del suo breviario leggendole su un iPad. Viene da crederlo ascoltando don Franco Matrolonardo, 42 anni, e don Daniele Missiroli, trentacinquenne. I due preti, illustrando le innovazioni digitali introdotte nelle loro chiese, parlano alternando il lessico della fede a quello delle nuove tecnologie. Padroneggiano quest’ultimo non peggio di quegli adolescenti che passano buona parte del loro tempo libero in chat… segue

7 novembre 2011

Trieste, Lelio Luttazzi regista: il suo film “L’illazione” martedì al Cinema Ariston

Ingresso gratuito per i lettori del “Piccolo”

12 settembre 2011

Speciale scuola

Scuola: ha fatto l’Italia, può renderla multiculturale

Istruzione, orizzonti perduti

Calendario regionale Scuole 2010/2011

Comunicazione: quiete e tempesta, avviene ad ondate


ANALIZZATE IN UNDICI MESI 9 MILIONI DI TELEFONATECome si propagano opinioni, idee politiche e commerciali. 
O capire come si è sviluppata la «primavera araba»MILANO – Quiete e tempesta: quando comunichiamo, i due stati si alternano. E con le «tempeste» le informazioni viaggiano più veloci. È quanto emerge da uno studio compiuto dall’Università Carlos III di Madrid in collaborazione con Telefónica, un’indagine i cui risultati potrebbero rivelarsi utili per comprendere il modo nel quale si propagano opinioni, idee politiche, pettegolezzi e informazioni commerciali. Per un periodo di undici mesi, i ricercatori hanno analizzato 9 milioni di chiamate, un volume di traffico telefonico svolto da 20 milioni di persone (circa il 30% della popolazione spagnola). La scoperta? Che la gente comunica a cascate o raffiche (bursts in inglese).
ONDATE – «Chiamiamo tanto e in poco tempo», spiega la ricercatrice Giovanna Miritello, coautrice dello studio, «poi passiamo periodi di inattività, poi torniamo a chiamare…(segue)

Arte, letteratura, mostre, fotografia…qualcosa di sociale, cronache strane, musica and more…vai agli articoli…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: