Liz Taylor, quando Cleopatra incantò Roma

24 Mar

Vodpod videos no longer available.

 

MILANO – Quando muore un’attrice che ha fatto la storia del cinema, è facile dire che si è spenta una stella. Con Elizabeth Taylor la frase non è solo vuota retorica. Con Liz se ne va l’ultima star della grande Hollywood degli anni Cinquanta-Sessanta, quella in grado di far ancora sognare tutto il mondo. L’ultima volta che era comparsa in pubblico è stato alla fine di giugno 2009, ai funerali del suo grande amico Michael Jackson. Dopo si è celata ai riflettori, lei che sotto i riflettori ha passato tutta la sua vita. Mercoledì mattina la notizia della sua morte a Los Angeles a 79 anni, riportata dagli organi d’informazione americani. La famiglia, nel ringraziare i tanti ammiratori che hanno espresso le loro condoglianze, ha invitato a non inviare fiori ma contributi per la ricerca contro l’Aids.

CARRIERA – Nata in Inghilterra il 27 febbraio 1932 da genitori americani, il primo successo lo ottenne a soli 11 anni con il mitico Torna a casa Lassie, ma aveva debuttato al cinema già l’anno prima. Poi passò da un successo all’altro in interpretazioni indimenticabili come Piccole donne(1949), i due film di Vincent Minnelli Il padre della sposa Papà diventa nonno (1950 e 1951), Un posto al sole (1951). Il suo periodo d’oro fu alla fine degli anni Cinquanta e all’inizio dei Sessanta, con film che hanno fatto la storia del cinema: Il gigante (1955), L’albero della vita (1957), La gatta sul tetto che scotta (1958), Improvvisamente l’estate scorsa (1959), Venere in visone (196o) eCleopatra (1963). In quest’ultimo film iniziò la sua storia d’amore con Richard Burton, che sposò due volte: la prima nel 1964, divorziarono nel giugno 1974 e poco più di un anno dopo si risposarono per poi lasciarsi nel luglio 1976. In tutto Liz si sposò otto volte con sette mariti e rimase una volta vedova. Dai suoi mariti ebbe tre figli. Elizabeth Taylor ha ricevuto due Oscar come migliore attrice protagonista: il primo per Venere in visone (1960), il secondo per Chi ha paura di Virginia Woolf? (1966). In seguito fece due film di Zeffirelli: La bisbetica domata (1967) e Il giovane Toscanini (1988), il suo penultimo film prima di I Flinstones del 1994.

RICORDI – «Sono molto addolorato. Abbiamo perso una figura memorabile che ho avuto la fortuna di conoscere e di lavorarci in due film. Purtroppo tramontiamo tutti. Con lei muore una diva come non esistono più», ha ricordato Franco Zeffirelli.

Elizabeth Taylor: la vita e la carriera

Elizabeth Taylor: la vita e la carriera Elizabeth Taylor: la vita e la carriera Elizabeth Taylor: la vita e la carriera Elizabeth Taylor: la vita e la carriera Elizabeth Taylor: la vita e la carriera Elizabeth Taylor: la vita e la carriera Elizabeth Taylor: la vita e la carriera

Filmografia

Cinema

Televisione

Doppiatrici italiane

FONTE: http://it.wikipedia.org/wiki/Elizabeth_Taylor#Filmografia


 


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: