Calcio Italia – Serbia, incidenti a Genova, polizia in campo: gara sospesa al 12′ (video e cronache)

12 Ott

EUROPEI

Sospesa al 12, per decisione dell’arbitro, la partita di qualificazione agli europei di calcio tra la nazionale italiana e la serba.

Comunicato della Figc:  “La partita non si è giocata perchè non sussistevano le condizioni di sicurezza”. L’Uefa darà partita vinta all’Italia per 3-0 e una dura squalifica alla nazionale serba che rischia di essere esclusa dalle qualificazioni europee.


Annullata la partita per la follia dei tifosi serbi

Vodpod videos no longer available.

La Repubblica

LA CRONACA ITALIA-SERBIA 0-0

Genova, incidenti e paura

sospesa Italia-Serbia

Pomeriggio di tensione in centro, dove gli ultras hanno lanciato bottiglie contro la polizia. Allo stadio l’arbitro blocca tutto dopo sei minuti per lancio di petardi. Giallo Stoikovic: “Minacciato dagli ultras, non voglio giocare”

Corriere della Sera

Gli ultrà serbi scatenano il caos
Alla fine Italia-Serbia non si gioca

Gruppi di teppisti tentano di aggredire i giocatori della propria nazionale. In azione allo stadio con petardi e fumogeni. Già nel pomeriggio incidenti e danni ai negozi

Tensione fra tifosi e polizia

Vodpod videos no longer available.


Una Risposta to “Calcio Italia – Serbia, incidenti a Genova, polizia in campo: gara sospesa al 12′ (video e cronache)”

  1. INeuropa 14 ottobre 2010 a 04:28 #

    Italia-Serbia: chi Vince(nzi)?

    Da: http://piemonte.indymedia.org/article/10267

    Parla la sindaco di Genova Marta Vincenzi (che forse ha contribuito ad evitare una strage).
    Il primo cittadino è’ preoccupatissimo per la città che và a ferro e fuoco. La situazione sembra totalmente fuori controllo.

    “Pronto Questura … dove cazzo siete. Qui sta succedendo un casino … ho cercato di calmare i tifosi serbi, quello che pisciava sulla facciata del Comune mi ha lanciato una bottiglietta. Meno male che mi hanno tenuto se no li prendevo tutti a schiaffoni. Dove minchia siete non vedo una divisa!”

    La Marta in quegli attimi di concitazione non sa che è tutto ok. La finta inerzia fa parte del piano. E’ una normale strategia operativa delle Forse dell’Ordine (pardon Forze). Trattasi dei famosissimi “criteri “morbidi” “a cui è improntata e ispirata alla conduzione dei servizi di ordine pubblico”. La Maroni strategy (lasciare che avvenga la guerriglia urbana per evitare la guerriglia urbana). Ma se l’ordine e la sicurezza brillano sotto la lanterna è anche grazie ad un’arma segreta. Un vero e proprio asso nella manica delle Forze di Polizia: i prefiltraggi.
    Torna alla mente un periodo caldo delle tifoserie locali. Era il Luglio 2005. La tifoseria genoAna si stava organizzando per protestare contro la sentenza della magistratura sportiva (con cui stava per essere disposta la retrocessione in serie C1 della squadra del GENOA).
    Il board dell’intelligence genovese al gran completo si dà convegno. Questore, Comandande Provinciale dei Carabinieri, Comandante Provinciale della Guardia di Finanza, Vice Questore Vicario, Assessore Comunale alla Viabilità, Comandante del Corpo di Polizia Municipale, Vice Comandante dei Vigili del Fuoco, Segretari Generali di Genoa Spa e Sampdoria Spa. Vien indetta una riunione supersegreta del Comitato Provinciale del l’Ordine e la Sicurezza Pubblica (bel nome).

    E’ la storica seduta del 29 luglio 2005. Il Questore Romano (uno che in fatto di ordine pubblico è un’eminenza) prende la parola :

    “… La linea operativa cui si ispira la conduzione dei servizi di ordine pubblico nella circostanza è improntata a criteri “morbidi” che non lasciano comunque spazio a comportamenti in grado di generare forme di illegalità… ma non saranno tollerate iniziative suscettibili di paralizzare punti nevralgici della città … né azioni che possano configurare violazione dei dispositivi di sicurezza predisposti a protezione degli obiettivi ritenuti sensibili. Le affermazioni sopra riportate, sottolinea il Prefetto, sono state esplicitate con chiarezza proprio per evitare che, nel caso in cui dovessero insorgere turbative dell’ordine pubblico, le Forse Dell’ordine (pardon Forze) possano essere tacciate di comportamenti eccessivi o di reazioni sproporzionate rispetto all’entità degli accadimenti…”

    E se nelle tifoserie dovessero annodarsi gruppi di facinorosi, non facilmente controllabili, animati da propositi violenti? (a Genova mai ma a volte capita). Eh?

    Risponde il Prefetto di ferro:

    “Conclusivamente il Prefetto fa presente che per l’occasione è stato comunque predisposto un adeguato dispositivo di sicurezza, in grado di prevenire e contrastare il possibile insorgere di evenienze di particolare gravità”.

    Più o meno quello che s’è realizzato ieri allo Stadio Luigi Ferrarsis di Genova.

    PFIUuuu . Meno male. Hanno evitato una strage.

    Doc. pdf:

    http://piemonte.indymedia.org/attachments/oct2010/prefettura_ge_sismi_anno_2005.pdf

    Link approfondimento:
    “Scoop: Ecco come il SISMI spia i centri sociali”
    http://piemonte.indymedia.org/article/6464

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: