Girovagando, concorso fotografico: ELISABETTA FRATINI “Asia che passione!”

9 Ott

Partecipa anche tu a Vinci una vacanza a Samanà: Concorso fotografico “Girovagando”

AUTORE: Viaggiare… una passione da sempre. Fotografare… come trattenere le immagini, non solo nel cuore.

Elisabetta Fratini  (Spilimbergo)

Questo slideshow richiede JavaScript.

Abu Dhabi  Emirati Arabi

La Grande Moschea dello Sceicco Zayed Bin Sultan II (due foto)

La struttura presenta 4 minareti di 110 metri di altezza, 138 cupole delle quali la più grande ha 34 metri di diametro e 75 m di altezza, 1.400 colonne in marmo di vario tipo, 142 pinnacoli di cui uno in cristallo, oltre a 2.000 lampadari e 70 porte monumentali intagliate, scolpite e decorate. La superficie totale della moschea è di 84.000 m², comprensivi del corpo centrale, del cortile di preghiera, dei porticati, delle aree per le abluzioni, delle scalinate esterne e delle centrali tecnologiche e può ospitare 7.000 fedeli nell’area principale coperta di preghiera (Main Haram), e 20.000 fedeli in totale negli spazi coperti e nel cortile centrale. La superficie di culto è di 52.000 m² (per un confronto la Basilica di San Pietro a Roma ne misura 25.000).

Le cifre da sole non rendono lo spettacolo!

Samarcanda – Uzbekistan

Le mille e una notte sono qui!

Mausoleo di Amir Temur (il Gran Tamerlano)

Il Mausoleo che ospita la tomba di Tamerlano si trova a sud ovest del Registan. Nel 1401 il nipote favorito del conquistatore, il sultano Mohammed vi fece iniziare i lavori per la costruzione di una scuola coranica. La sua improvvisa morte avvenuta 2 anni più tardi spinse Tamerlano ad affrettarne il suo compimento. In vita Tamerlano aveva espresso il desiderio di essere sepolto a Shakhrisabz, suo paese natale, ma le sue volontà non furono rispettate e Ulug Beg ne fece inumare il corpo nel mausoleo accanto alla tomba del suo nipote prediletto.

Samarcanda – Uzbekistan

Shakdhi-Zinda: Luogo di grande interesse è la necropoli di Shakdhi-Zinda. Nel XIV e XV secolo vi furono costruiti monumenti funebri che non hanno uguali in tutta l’Asia centrale facendo della necropoli un luogo stupefacente in una città per se stessa già superlativa.

Qindao – Cina

La spiaggia

Meglio conosciuta in occidente come Tsingtao, è una città sub-provinciale nell’est della provincia di Shandong. Nel 1897 la città fu ceduta alla Germania. In quel tempo essa era conosciuta in occidente con il nome di Kiao-ciou. I tedeschi presto fecero di Tsingtao un porto strategicamente importante, stabilendo la loro flotta pacifica lì, permettendo alle navi di condurre operazioni in ogni parte del “Lontano Oriente”. Il governo coloniale tedesco pianificò e fece costruire le prime strade e istituzioni della città che si possono vedere anche oggi, inclusa la Distilleria Tsingtao, famosa in tutto il mondo. Qingdao è stata la sede delle competizioni velistiche durante le Olimpiadi del 2008. Gli eventi si sono svolti nel Golfo di Fushan, vicino al distretto centrale della città nel Qingdao International Sailing Centre.

Pechino

Piazza Tiananmen – Il Tiananmen
La porta della Pace Celeste, Tiananmen in cinese, da cui il nome della piazza, fu costruita nel XV secolo. Dall’avvento del comunismo è sormontata da un gigantesco ritratto di Mao. la scritta a sinistra recita “Lunga vita alla Repubblica Popolare Cinese” e quella di destra “Lunga vita all’unità dei popoli del mondo”. Di notte, uno spettacolo affascinante!

Suwon – Corea

Hwaseong (Castello brillante/Fortezza) Patrimonio dell’Unesco (due foto)

Le mura che circondano il centro di Suwon, capoluogo della provincial dello Gyeonggi-doCorea del Sud, sono state costruite nel tardo diciottesimo secolo dal Re Jeongio per onorare e ospitare I resti del padre il Principe Sado. La città è locata a 30 chilometri a sud di Seoul. L’UNESCO ha designato la fortezza come Patrimonio mondiale nel 1997.

Tokyo – Giappone

Meiji Jingu

Il santuario Meiji, situato a TokyoGiappone nei pressi della stazione di Harajuku è un santuario shintoista (jinja) dedicato alle anime dell’imperatore Meiji e di sua moglie, l’imperatrice Shoken. L’imperatore Meiji morì nel 1912 e la moglie nel 1914. In loro onore fu costruito il santuario, che fu definitivamente inaugurato e consacrato nel 1920. L’edificio originale fu distrutto durante la Seconda guerra mondiale. Il santuario attuale fu completato nell’ottobre 1958.

Tokyo – Giappone

Shinjuku – Il moderno e la tradizione (due foto)

Le due anime del Giappone ben sono rappresentate dal tempio e dal grattacielo che restano appaiati nel quartiere più moderno

Shinjuku è uno dei 23 quartieri speciali di Tokyo. È un importante centro commerciale ed amministrativo, così come la sede di uno dei maggiori nodi dei trasporti pubblici di Tokyo, la stazione di Shinjuku. La città di Shinjuku si sviluppò nella sua forma corrente dopo il Grande Terremoto del Kanto del 1923, dato che l’area era sismicamente stabile e scampò alla gran parte delle devastazioni. Di conseguenza Shinjuku occidentale è una delle poche aree di Tokyo con molti grattacieli. Nel 2008, il quartiere ha un popolazione stimata di 312.418 abitanti ed una densità di popolazione di 17.140 persone per km². L’area totale è di 18,23 km².


Una Risposta to “Girovagando, concorso fotografico: ELISABETTA FRATINI “Asia che passione!””

Trackbacks/Pingbacks

  1. Vinci una vacanza a Samanà: Concorso fotografico “Girovagando” « The Spilimbergo POST - 9 ottobre 2010

    […] ELISABETTA FRATINI→ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: